Copyright © 2013-2018 Sublima cables & stones. | P. Iva 01719810853 | All Rights Reserved

 Alessandro Cereda's SUBLIMA | +39 347 58.00.299 | sublima@libero.it

 

Privacy and Cookie Policy 

IMPIANTO DI ALFREDO FATTENOTTE

Show More

Descrizione:

 

Prima di parlare della mia esperienza con i prodotti Sublima, mi sembra doveroso  spendere due righe per parlare del mio impianto audio e delle linee guida che ho seguito per allestirlo.

Ciò che cerco in un impianto è l'illusione di un ascolto realistico, voglio sedermi e scordarmi di essere nel mio salotto, vorrei sentirmi immerso nella musica ed essere trasportato nella sala o piazza dove l'evento ha avuto luogo. La catena audio , per fare questo, deve veicolare dinamica ed emozione, la correttezza timbrica viene subito dietro.

 Credo che la linea migliore su cui muoversi per raggiungere questi ambiziosi obiettiio sia allestire una catena audio con diffusori ad alta sensibilità, coadiuviati da amplificazioni a valvole di bassa potenza ed elevatissima qualità, che non utilizzano retroazione negativa.

Ho avuto la fortuna di conoscere il marchio Clinamenaudio poiché geograficamente parlando sono molto vicino al costruttore. Ho avuto modo di toccare con mano ( o meglio con orecchie) le implementazione audio di una filosofia di ascolto che si sposava perfettamente con la mia ,e ne sono rimasto rapito. Ho venduto tutti i miei apparecchi Hi end ed allestito una catena full Clinamenaudio. 

I diffusori, cuore dell'impianto , sono i tre vie Calabi Yau, woofer da 30 cm in accordo sintonizzabile ( apprezzo tantissimo questa taratura che consente di plasmare la gamma bassa a mio piacimento), il medio lavora in una guida d'onda in massello laccato sospesa su molle, il tweeter è un bel componente con magnete in Alnico anche esso montato su una sospensione elastica.

Gli amplificatori sono gli integrati monofonici Loto, volume controllato in maniera induttiva, configurazione single ended parallelo di 2A3, alimentazione induttiva, telai in cocobolo e grafite.

Pre phono in due telai MM-MC Muddy Waters, con triodi ad alta transconduttanza e trasformatori in superpermalloy, o feedback.

DAC BABEL Clinamenaudio, con stadio di uscita a trasformatori in superpermalloy

Meccanica CD MBL

Giradischi HANSS Acoustic modello T30 e bracci Rega Audiomods serie 5

Testina MC Allnic Harrow ULTRA

 

Passiamo ora a descrivere il mio incontro con il marchio Sublima.

Leggendo la rivista Adiophile Sound mi sono imbattuto in un articolo che parlava dei prodotti Sublima di Alex Cereda, debbo premettere che ho sempre dubitato di prodotti “alchemici” passatemi il termine, ma piu' leggevo e piu' mi domandavo.... un recensore non puo' descrivere un prodotto con tanto fervore e con toni entusiastici se poi non funziona... spinto dalla curiosita'il primo acquisto l'ho fatto con la lacca di Jiva e due Kube S, coadiuvato dal mio amico Stefano Buttafoco patron della Clinamenaudio facemmo una seduta di ascolti spostando in piu' punti dell'impianto i cubi e rimanemmo basiti, in qualunque posto spostavamo i morsetti che collegavano i kube ,l'impianto cambiava in positivo, li abbiamo provati sui cavi di potenza delle casse Calabi yau Clinamen , sul polo negativo , seconda prova sui cavi di segnale di tutte le elettroniche e ci accorgevamo che il suono era piu' definito , asciutto da impurità', scena piu' ampia profonda ed alta , le armoniche, pur molto presenti prima,  erano addirittura raddoppiate.

La cosa più incredibile è che questi miglioramenti avvenivano su un impianto già di estrema qualità che eccelleva nei parametri che poi sono riuscito ancora a migliorare con l'intervento dei prodotti Sublima.

Da buon appassionato visti i risultati ho provveduto ad ordinare immediatamente altri 5 kube ( per un totale di 7 ) e li ho così divisi: 2 kubi per cassa uno sul morsetto del cavo di potenza positivo ed uno sul negativo, uno sulla terra del pre phono Muddy Waters della Clinamenaudio ed uno sul Dac Babel, sempre Clinamenaudio, ed uno collegato alla terra del braccio/piatto :risultati eclatanti!

 

Ci tengo a precisare che il Sign Cereda ci e' sempre stato d'aiuto con la sua disponibilita' dispensandoci consigli spassionati e mirati. Fatta questa prova mi consiglia di provare le Big Stone polarizzate sopra i trasformatori dei finali monofonici integrati LOTO Clinamenaudio, ed in questo caso avevamo guadagnato ancora in dinamica.

 

Sempre ben consigliato dal gentil Cereda ne acquisto altre, due sono andate a collocarsi dentro la cassa acustica appoggiati sopra al crossover con la polarizzazione sempre rivolta a Nord, uno e' stato appoggiato sopra i trasformatori di step-up MC  del pre phono,  uno sopra trasformatori di uscita in superpermalloy del dac ed uno sopra lo sportello del caricamento della macchina Cd MBL ed infine uno sotto la ciabatta di rete .

 

Stefano  Buttafoco, ha poi trattato i diffusori Calabi Yau con la lacca Jiva, intervenendo sui magneti degli altoparlanti, ed in punti mirati sulle membrane. Altro intervento estremamente delicato è stato fatto nel trattare la delicatissima membrana in alluminio del tweeter a compressione. Intervento molto delicato da sconsigliare a chi non conosce alla perfezione l'architettura dell'altoparlante in questione. Anche in questo caso i benefici sono stati tali da migliorare un quadro esistente già splendido.

Altra operazione estremamente delicata è stata effettuata da Stefano sulla testina MC ALLNIC: la lacca Jiva è stata applicata sul cantilever, magneti e corpo metallico della stessa. 

Gli ultimi interventi sono consistiti nell'applicare la Jiva al corpo in mumetal dei trasformatori del DAC BABEL e pre phono Muddy Waters della Clinamenaudio.

Il tutto e' stato fatto in step giornalieri ed invogliati dai migliorati ascolti. Io debbo lodare i prodotti della Sublima e se ve lo dice uno scettico di alchimie e' tutto un dire!

Avevo un impianto splendido, ma solo dopo l'applicazione dei prodotti Sublima, ho scoperto che si esprimeva al 70% delle sue potenzialità. Credo che i prodotti Sublima riescano a tirare fuori le vere potenzialità di un impianto, lasciando uscire particolari nascosti, liberando la dinamica e scena acustica da vincoli legati a fenomeni sui quali il signor Cereda ha investito anni di studi

.